Un viaggio alla scoperta del lusso gastronomico

Caviale, la storia del lusso gastronomico

Non perderti nemmeno un articolo…

Iscriviti alla newsletter di Caviale.it

    Caviale deriva da Khaviar o Caviar, una parola turca che nel linguaggio locale degli abitanti sulla sponda iraniana del Mar Caspio si riferisce alle uova di storioni. Sin dall’antichità veniva utilizzato dai pescatori come alimento altamente energizzante e spesso anche come medicinale.

    A partire dal XVII secolo la più straordinaria squisitezza del Mar Caspio divenne la leccornia prediletta dall’aristocrazia russa. Ma fu dopo la Rivoluzione d’Ottobre che i ricchi aristocratici russi emigrati trasmisero a tal punto la passione per tale cibo dal farlo divenire da una semplice “curiosità”, una vera e propria moda fino ad entrare a far parte della cultura culinaria europea. Fino agli anni 50 il commercio del caviale fu esclusivamente monopolio russo.

    Solo in seguito, il pilota personale dello Shah, un americano di nome Finsun che godeva di particolari attenzioni da parte della famiglia reale, riesce ad ottenere l’esclusiva del caviale iraniano e ad esportare anche in America la fama di tali uova. In seguito alla Rivoluzione Islamica ed al boicottaggio da parte delle autorità USA, si rompe il rapporto d’esclusiva con l’America a favore di europei e giapponesi.

    Gli europei cominciano così ad osservare la differenza tra la qualità di caviale russo e quello iraniano. Da allora, se pur raro e preziosissimo, anche in Europa non ci fu pranzo di gala o ricevimento di stato, cerimonia di incoronazione o festa principesca che non fosse allietata da quelle ineffabili uova di storione iraniane, meritorie di offrire le eccezionali gioie del palato.

    #caviale#lusso#storia
    Scelti dalla redazione
    La storionicoltura: allevamento di Acipenser
    28.02.21
    La salatura, il segreto del caviale
    06.10.20
    Caviale, la storia del lusso gastronomico
    06.10.20
    Uova di pesce, è tutto caviale ?
    06.10.20